Timeless
Quante volte il mondo del cinema ci ha messo dinanzi alla macchina del tempo? Quante volte abbiamo potuto osservare uomini e donne che squarciano la linea spazio temporale e sfrecciano nel passato o nel futuro? Un potere che ogni uomo vorrebbe avere, per cambiare quello che è accaduto, avere un'altra chance; oppure per sbirciare l'avvenire e prepararci in anticipo.
Timeless, la nuova serie tv trasmessa dalla NBC, ci insegna, fin dall'episodio pilot, che forse sarebbe meglio vivere il presente, lasciare le cose come stanno; perché ogni minimo cambiamento nella storia può innescare catene di eventi indesiderati, far detonare e fratturare la realtà e cancellare interi libri di storia.

Lucy Preston è una professoressa di antropologia chiamata, inaspettatamente, a vestire i panni di viaggiatrice spazio temporale, affiancata da Wyatt (soldato di professione) e da Rufus (programmatore). Quest'anomalo trio ha il compito di arrestare i piani di Garcia Flynn, un ex detenuto, fuggito di prigione, che si introduce con la forza in un laboratorio segreto e ruba una fantomatica macchina del tempo. Il misterioso Flynn sembra celare verità direttamente collegate con un evento storico in particolare: l'esplosione, in fase di atterraggio, di un dirigibile nel 1937. 


Sembra una storia vista e rivista, ma non lasciatevi ingannare dalle apparenze. Timeless affronta una rete di eventi, che fin dal primo episodio, sembrano intrecciarsi in un nodo difficile da dipanare e che, proprio per questo, risulta essere davvero intrigante. Dalla primissima battuta dell'episodio si evince subito che avremo a che fare con una sceneggiatura ironica e dalla risata facile. Quella che io chiamo "sceneggiatura Marveliana" (tra le altre cose, la protagonista, con quei vestiti indosso assomiglia un po' ad Agent Carter!). Con il passare dei minuti e dei dialoghi, abbiamo la conferma di quanto intuito agli albori dell'episodio: la sceneggiatura mantiene sempre un ritmo molto elevato, le scene non sono mai troppo lunghe e sempre ricche d'azione e di frasi piccanti. Il genere di assemblaggio che diverte e non lascia mai annoiare.

La sceneggiatura è inoltre felicemente spalleggiata da un cast di tutto rispetto. Lucy è interpretata da Abigail Spencer, ormai una veterana delle serie tv (CSI Scena del Crimine, How I Met Your Mother, Private Practice e Castle), nonché interprete di parti minori in numerosi film; il soldato Wyatt, dal fascino tenebroso e ammiccante, è Matt Lanter che i più attenti ricorderanno già in Grey's Anatomy o Heroes, ma più recentemente in Star-Crossed; il ruolo del cattivo è invece affidato a Goran Višnjić, attore croato usato spessissimo nelle parti da omaccione dell'est bruto e maligno sia nel cinema, che nelle serie tv.



In generale Timeless è una serie di valore, vuoi per gli attori, vuoi per la trama che affascina e ci spinge a vedere con curiosità la seconda, la terza puntata e così via. L'ambiente del 1937 è riproposto davvero molto bene dal comparto scenografico, accompagnato anche da una fotografia di ottimo livello e da effetti speciali notevoli per essere una serie tv. Ma ciò che più ci corrompe (nell'accezione positiva del termine) di questa serie è osservare gli effetti che i viaggi nel tempo portano con se. Tornare nel presente è sempre una sorpresa, qualcosa è inevitabilmente cambiato e il più delle volte, non in meglio. L'obiettivo del terrorista, con questa escursione nella storia, è quello di impedire la nascita dei gloriosi Stati Uniti d'America. I motivi di tale scampagnata e di tale obiettivo ci sono ancora oscuri, ma non vediamo l'ora di vederli palesare. 



Dopo 22.11.63, Timeless si propone di trasportarci, o forse sarebbe meglio dire teletrasportarci, nella fredda e roboante cabina del viaggio temporale, strizzando l'occhio alla continua ricerca di onnipotenza che l'uomo testardamente persegue; ricordandoci, in qualche modo, che l'unica vita da cambiare è quella che viviamo oggi, che siamo padroni del nostro presente e che forse il destino, il nostro destino, ha un canovaccio prestampato e non riscrivibile.

Per altre recensioni scritte da Giuseppe, andate su:



Blogames.itrecensioni ed informazioni sul mondo dei videogiochi, dei film e delle serie tv.
Articolo scritto da Giuseppe Fabrizi il 07/10/2016, 14:43.
Vai alla rubrica Buona La Prima.
Che ne pensi? Dicci la tua!
3 grazie!
Grazie
Rubriche
Cerca una serie
DISCLAIMER
Subspedia è una community italiana dedita al fansubbing formata da appassionati di serie televisive che collaborano per la realizzazione della traduzione italiana di sottotitoli inglesi.
Ogni attività a nome di Subspedia è svolta senza alcuno scopo di lucro.
I sottotitoli offerti dalla Community vengono realizzati e controllati gratuitamente dai membri della stessa. Essi sono libere traduzioni di testi in inglese distribuiti sul web.
La Community non ha alcuna responsabilità sull'utilizzo che ne viene fatto da terzi, specialmente se improprio.
Tutto il materiale (immagini e testi) appartiene al proprio autore.
Il sito non include file audio o video protetti da copyright né i link per ottenerli, e non incoraggia la distribuzione illecita di questo tipo di materiale.


INFO SITO
Il sito è stato creato interamente da Federico Magnani - federicomagnani.it
Per segnalazioni o suggerimenti tecnici, email a federico.magnani@subspedia.tv
Per qualsiasi altra segnalazione o richiesta, email a info@subspedia.tv


SITI CONSIGLIATI
TV Shows Manager
Daninseries


ALTRE PAGINE
Stato traduzioni
Affiliazioni
Collaborazioni
API per programmatori
Cookie Policy
Feed RSS


AREA RISERVATA
subBerser