Conviction
Il 3 ottobre è andata on onda Conviction, una delle serie TV che personalmente aspettavo di più.



Il motivo principale è sicuramente il cast. A parte Eddie Cahill, che magari ai meno ferrati sui nomi degli attori non fa accendere nessuna lampadina, ma sicuramente tutti conoscete. Prima di tutto l'abbiamo visto nella storica Friends, nei panni di Tag Jones, ma i più polizieschi tra di noi lo ricordano in CSI:NY, nelle vesti di Don Flack.



Ma è la protagonista femminile ad essere il motivo principale della mia trepidante attesa. Sto parlando di Hayley Atwell, quindi di Peggy Carter. Quando a maggio Agent Carter è stato cancellato, il nostro povero cuoricino telefilmico si era spezzato, non solo per la bellezza della serie, ma anche per la bravura della bellissima attrice, che di recente abbiamo visto anche al cinema, nei panni della madre di Cenerentola, nella trasposizione cinematografica di una delle favole più romantiche di sempre.



La serie rientra nel genere “legal drama”, e narra le vicende di Hayes Morrison, avvocato, figlia dell'ex Presidente degli Stati Uniti, interpretata appunto dalla Atwell, che per una, chiamiamola serie di errori, è costretta, per ottenere la libertà, ad acconsentire alla richiesta di Conner Wallace, procuratore distrettuale, con grosse ambizioni politiche, che la mette a capo della sua “Conviction Integrity Unit”: una sorta di super squadra legale, il cui obbiettivo principale è quello di rivedere alcuni tra i casi più clamorosi, in cui coloro i quali si sono dichiarati colpevoli continuano a dichiararsi innocenti. Squadra, che con la partecipazione della donna ricaverà visibilità e credibilità.
 
Com'è facile immaginare, i rapporti tra i due non sono idilliaci, anzi, "cane e gatto" sarebbe probabilmente la definizione migliore nonostante una certa innegabile chimica tra i due,  ma la donna è costretta ad accettare, per evitare che il suo arresto per possesso di cocaina possa pregiudicare non solo la sua carriera, ma anche quella politica dei genitori.

Ma conosciamo meglio la CIU. Oltre alla Morrison, fanno parte della squadra Sam Spencer, interpretato da Shawn Ashmore, il gemello di Aaron Ashmore, che tutti ricorderete come Jimmy Olsen in Smallville. Sam è il golden boy di Wallace, e per stessa ammissione della Morrison, colui a cui sarebbe dovuto andare il comando della CIU.
Emily Kinney, la Brie Larvan di Arrow, interpreta Tess Larson, assistente legale, super ammiratrice della Morrison, che ha qualcosa da nascondere, mentre Manny Montana, il Johnny di Graceland, interpreta Frankie, a capo della scientifica e dal passato misterioso.
Altro volto noto è Merrin Dungey, la Ursula di Once Upon a Time, Maxin Bohen nella serie, investigatore capo, che fin da subito si mostra molto poco intimorita dal “bagaglio familiare” della Morrison.
Di questo bagaglio familiare fa parte anche il fratello di Hayes, Jackson, interpretato da Daniel Franzese, attore che abbiamo avuto modo di apprezzare in Looking, che ci svela quanto la madre sia arrabbiata con la sorella per tutto quello che è successo.




Fatte dunque le presentazioni di rito, la squadra inizia a lavorare insieme al primo caso: un ragazzo di colore accusato dell'omicidio della sua ragazza, giudicato da una giuria di soli bianchi. Nonostante le rimostranze iniziali, grazie anche a una “spintarella” di Maxin, anche Hayes si mette a lavoro, e tira fuori le sue doti e la sua genialità per cercare prima di tutto di capire se il ragazzo sia innocente o meno. 

Naturalmente il caso non è l'unica preoccupazione della Morrison, che deve preoccuparsi anche della raccolta fondi che la madre ha organizzato, alla quale deve, seppur controvoglia partecipare, e grazie al quale abbiamo modo di esplorare il rapporto tra la donna e un altro membro della sua famiglia, e grazie al quale probabilmente riusciamo a intravedere quelle che sono le debolezze e le sofferenze di quello che sembra uno sprezzante e freddo avvocato, ma che in realtà probabilmente è solo una donna dai genitori troppo ingombranti.

Bellissime le ricostruzioni del delitto, bellissime le interpretazioni, ma soprattutto fantastiche le colonne sonore. Non so veramente come altro convincervi a seguire la serie, ma sono sicura che mi darete ragione! 

Articolo scritto da -cesca il 07/10/2016, 14:44.
Vai alla rubrica Buona La Prima.
Che ne pensi? Dicci la tua!
2 grazie!
Grazie
Rubriche
Cerca una serie
DISCLAIMER
Subspedia è una community italiana dedita al fansubbing formata da appassionati di serie televisive che collaborano per la realizzazione della traduzione italiana di sottotitoli inglesi.
Ogni attività a nome di Subspedia è svolta senza alcuno scopo di lucro.
I sottotitoli offerti dalla Community vengono realizzati e controllati gratuitamente dai membri della stessa. Essi sono libere traduzioni di testi in inglese distribuiti sul web.
La Community non ha alcuna responsabilità sull'utilizzo che ne viene fatto da terzi, specialmente se improprio.
Tutto il materiale (immagini e testi) appartiene al proprio autore.
Il sito non include file audio o video protetti da copyright né i link per ottenerli, e non incoraggia la distribuzione illecita di questo tipo di materiale.


INFO SITO
Il sito è stato creato interamente da Federico Magnani - federicomagnani.it
Per segnalazioni o suggerimenti tecnici, email a federico.magnani@subspedia.tv
Per qualsiasi altra segnalazione o richiesta, email a info@subspedia.tv


SITI CONSIGLIATI
TV Shows Manager
Daninseries


ALTRE PAGINE
Stato traduzioni
Affiliazioni
Collaborazioni
API per programmatori
Cookie Policy
Feed RSS


AREA RISERVATA
subBerser